Jedismo

NOI NON SIAMO SOLDATI.

Maestro Jedi Windu

Non basta conoscere il bene, occorre praticarlo. Altrimenti si diventerà come quell’asino che venne
tolto dalla stalla e messo a dormire in una meravigliosa biblioteca fornita di migliaia di rarissimi e
preziosi libri . Non per questo diventò un letterato.

Ci sono più occasioni dove viene messo bene in evidenza che gli Jedi pur essendo dei formidabili
guerrieri sono antimilitaristi. Ed in effetti a chi decide di diventare Jedi è proibito essere un militare.

Per definizione il bravo militare è un uomo abituato ad eseguire ordini e a non farsi troppe
domande.
Non sempre il militare è dalla parte del giusto, ed anche quando si rendesse conto di non esserlo,il
suo ruolo rimarrebbe quello di eseguire ordini.
Proprio il contrario dei cavalieri jedi, che sono abituati a pensare ed essere autonomi nel perseguire
gli ideali di pace e giustizia. Il cavaliere Jedi per definizione fa cosa è giusto non quello che
conviene. Anche se questo puo procurargli inimicizie o farli avere problemi.
Inoltre gli eserciti sono nazionali ,ne consegue che perseguono gli interessi della propria nazione,nel
caso che la nazione fosse guidata da persone illuminate questo può essere positivo ma è poca cosa
rispetto agli jedi che si mettono al servizio di tutta l’umanità, non solo di quelli appartenenti ad un
unica nazione. Per questo motivo gli Jedi collaborano con organismi internazionali come lO.N.U.
Organizzazione delle Nazioni Unite.
Nel perseguire gli ideali di pace e giustizia si può, come ben evidenziato nella saga anche essere
coinvolti nella guerra, ma su tutto vi sarebbe l’ombra del lato oscuro.
I cavalieri jedi possono svolgere servizio come poliziotti, solamente nel caso in cui gli viene
concessa la possibilità perseguire gli ideali di pace,giustizia,libertà, difesa dei diritti umani e
dell’ambiente naturale fondamentali per la nostra religione.
Nel mondo attuale composto di nazioni spesso un contrasto una contro l’altra si spende attualmente
1800 miliardi di dollari in spese militari (anno 2014). Il potenziale bellico posseduto dagli eserciti a
livello mondiale sia di tipo convenzionale che non convenzionale è sufficiente ad annientare tutta
l’umanità centinaia, forse migliaia di volte. La comunità jedi nel suo pensiero fortemente
antimilitarista ritiene che se questa spesa fosse indirizzata per sostenere la lotta alla fame ed alle
povertà, alle ingiustizie sociali,alla difesa dei diritti umani, alla ricerca scientifica, allo sviluppo

economico e sociale,all’istruzione,alla sanità ed alla difesa dell’ambiente, l’umanità intera potrebbe
raggiungere un livello di benessere che non abbiamo mai conosciuto ed addirittura non riusciamo
neanche ad immaginare.

articolo correlato